Area Riservata
Seguici su:

Contenitori in carta per alimenti

contenitori in carta per alimentiGli involucri che contengono i cibi che quotidianamente vengono prodotti, stoccati, venduti e consumati negli ultimi anni hanno visto una sempre maggior diffusione, i materiali che li compongono sono svariati: uno dei tipi di contenitori per alimenti maggiormente impiegato è la carta. I contenitori in carta per alimenti hanno diverse caratteristiche che li rendono pratici e sicuri: non cedono i propri componenti chimici agli alimenti, resistono alle trasformazioni indotte dai componenti naturali del cibo stesso e non modificano le caratteristiche del contenuto.

i contenitori hanno devono essere leggeri, pratici e a basso costo: quale miglior materiale se non la carta? I vantaggi che presentano i contenitori in carta per alimenti sono innumerevoli: impatto ambientale pari a zero, personalizzazione del prodotto, capienze svariate ed infinite, flessibilità di impiego, ottime caratteristiche termiche sia calde che fredde... insomma il settore alimentare di oggi non potrebbe essere quelle che è senza i contenitori di carta per alimenti.

I contenitori di carta si prestano molto bene anche per la conservazione dei cibi surgelati, aiutano l'ambiente (se vengono sostituiti in questa operazione ai tipici sacchetti di plastica) e non alterano i gusti di ciò che è contenuto al lor interno. Alcune tipologie di contenitori possono essere passati direttamente dal freezer al microonde, evitando così scomodi passaggi intermedi di contenitori.

Sul mercato moderno i contenitori per alimenti di carta sono quelli maggiormente impiegati, insieme alle materie plastiche. Vengono prodotti dalla lavorazione della cellulosa ricavata dal legno e successivamente impastata con carta di recupero e stracci.Esistono svariati tipi di contenitori di carta per alimenti, sia allo stato "singolo" (solo materiale cartaceo), sia accoppiati con pellicole di polietilene e di alluminio (i tipici brik). I contenitori per alimenti in tetrapak sono composti per la maggior parte da carta, poi da polietilene e quindi da una piccola percentuale di alluminio.

Questi contenitori possono essere facilmente riciclati nei termo valorizzatori come recupero energetico, possono essere riciclati nelle cartiere o possono inseriti nel ciclo di recupero nella produzione dei compostaggi; possono inoltre essere considerati dei biocombustibili, in quanto il cartone di cui sono composti è per una elevata percentuale composto da cellulosa.In fase di combustione il cartone brucia in modo pulito, e i sottili strati di polietilene generano vapore acqueo e anidride carbonica.Basti pensare una tonnellata di petrolio ha un contenuto energetico pari a due tonnellate di contenitori di carta usati.

Nelle cartiere i vecchi contenitori di carta per alimenti sono una risorsa: vengono separati dal polietilene e dall'alluminio per essere reinseriti nel processo che li riporterà ad essere nuovi prodotti di carta.

Download PDF

Richiedi una visita nei nostri showroom

Richiedi

Contattaci per maggiori informazioni

Accetto l'informativa sulla privacy